Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Maurizio Prenna al Museo della Carta di Fabriano

“Carta fuori cornice”: le sculture in carta di Maurizio Prenna al Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano.
Sarà inaugurata sabato 13 giugno 2015 la mostra dell’architetto e designer originario di San Severino Marche con opere tratte da Picasso, Modigliani, De Lempicka.

Un personaggio dipinto da un grande artista può uscire dalla cornice di un quadro e diventare una “presenza” fisicamente percepibile? Una mostra lo renderà possibile attraverso l’utilizzo di un materiale come la carta che grazie ad una sapiente tecnica artigianale diventa scultura. La sfida l’ha lanciata un architetto e designer marchigiano d’origine che dopo una esperienza professionale a Milano si è trasferito a Roma dove, oltre a gioielli, d’argento realizza opere in carta. Maurizio Prenna, dopo varie mostre romane, approda al Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano esponendo opere tratte da quadri celebri ma anche lavori più vicini all’arte moderna e concettuale. Se da una parte la suggestione è la materializzazione fedele di un’opera pittorica dall’altra non si rinuncia ad una ricerca personale che si trasforma in costruzioni più astratte ma non meno affascinanti.
Nei locali del Museo i visitatori potranno vedere da vicino come la carta diventa scultura restituendo al contempo la dimensione cromatica, figurativa ed espressiva del quadro originario. Il risultato è che non si tratta di copie ma di nuove opere dotate di un loro proprio essere nello spazio e nello sguardo dell’osservatore. Il pubblico non sarà di fronte ad una riproduzione di Picasso, di Modigliani e della De Lempicka ma alla materializzazione dei loro soggetti in chiave tridimensionale con l’originalità e la diversità di sguardo di un “nuovo” artista che grazie alla carta li farà “vivere” fuori cornice.

plurale

Maurizio Prenna, dopo la laurea in architettura si è formato come designer a Milano. Nel 1993 si è trasferito a Roma dove ha aperto l’atelier “Plurale” dove realizza gioielli in argento e dove continua la sua ricerca utilizzando la carta per creare oggetti e sculture. Ha all’attivo una serie di mostre: “Assenze” (2010), “Incerte Presenze” (2013), “Selfiepixel” (2015). Ha esposto le sue opere presso la “Galleria Porta Mazzini” e a “Gard Gallery” di Roma.


Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI