Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Fedra Boscaro e Tommaso Arosio / “Per un Novissimo Bestiario # Showcase

Giovedì 16 aprile alle ore 19 presso lo spazio espositivo Adiacenze inaugura “Per un Novissimo Bestiario # Showcase”, di Fedra Boscaro e Tommaso Arosio, terzo e conclusivo evento della rassegna transdisciplinare Fuori Formato, a cura di Silvia Mei. L’inaugurazione sarà accompagnata da due azioni performative alle ore 20.30 e alle ore 21.30 (visti i posti limitati la prenotazione è obbligatoria al 333 5463796).

L’allestimento è concepito per gli spazi di Adiacenze come prima complessiva panoramica degli “Appunti per un Novissimo Bestiario”, un programma di ricerca pluriennale che esplora la definizione dell’identità e dello sviluppo della personalità individuali attraverso un campionario di “esseri simbolici” del nostro tempo. Gli Appunti, inaugurati nel 2011, costituiscono una serie performativa divisa in due linee parallele – Appunti Pari e Appunti Dispari – che sperimentano modalità di ideazione-creazione partecipate e collaborative.

A fianco degli interventi performativi “Per un Novissimo Bestiario # Showcase” organizza e presenta i materiali prodotti in quattro anni di ricerca e applicazione. Tra questi: le serigrafie e le pubblicazioni a tiratura limitata tratte dalla video-performance Appunti Dispari e gli abiti realizzati con materiali di scarto per gli Appunti Pari. Completa l’allestimento una postazione interattiva per raccogliere il contributo del pubblico ad un possibile bestiario contemporaneo.

Ciascuna performance in programma consiste di due Appunti. L’Appunto #10, al suo debutto nazionale, realizzato live nei sotterranei di Adiacenze, vede protagonista Roberta Giallo, musicista e cantante qui in veste di performer, che firma il sound design assieme a Valentino Corvino. A seguire l’Appunto #11, un “novissimo bestiario” proiettato sul corpo umano, realizzato con i contributi di artisti ospiti: novità dell’Appunto #11 è il contributo dell’artista visiva Nicole Riefolo e del sound designer Andrea Martignoni.

– Gli Appunti Pari indagano le strategie di “costruzione del sé” alternative al mainstream. La scena in cui agiscono i performer (Francesca Burzacchini, Roberta Giallo, Alice Keller, Laura Ulisse) è allestita in un luogo non visibile al pubblico, il quale fruisce l’evento attraverso una proiezione in tempo reale. Per ciascun Appunto viene creato – rigorosamente con materiali di scarto – un abito che ri-articola, attraverso costrizioni fisiche, il corpo della performer.

– Gli Appunti Dispari collazionano per accumulazione e sintesi i contributi di “guests artists” (visual: Karin Andersen, Sonia Marcolin, Nicole Riefolo; sound: Valentino Corvino, Roberta Giallo, Andrea Martignoni) realizzati con la tecnica del video mapping, qui applicato al corpo della performer Fedra Boscaro, che diviene superficie riscrivibile per nuove forme post-organiche di esistenza extra-biologica.

ADIACENZE

Adiacenze è un centro espositivo non profit nato dalla passione di ragazzi che vivono a Bologna nutrendosi di arte. È una vetrina per artisti emergenti; è un luogo di promozione culturale, di discussione, di ricerca e di incontro; un luogo in cui il primo principio da rispettare è quello della creatività. Tutto è iniziato dall’idea di creare nella location di Via San Procolo 7, vicino alle gallerie storiche nel pieno centro di Bologna, uno spazio fatto per i giovani, in cui allestire mostre di artisti talentuosi che non trovano spazio molto facilmente. Da due anni portano avanti gli stessi intenti nella nuova location in Piazza San Martino 4/f, sempre in centro a Bologna, a due passi dalle due Torri. Amerigo Mariotti e Daniela Tozzi, assieme alle idee e all’appoggio di giovani artisti, curatori e appassionati del settore, mettono a frutto la propria esperienza nel campo artistico fornendo una location per mostre con progetti site specifics ed eventi culturali in genere, nella più grande convinzione di poter dare una sferzata di novità a Bologna e ad un ambiente artistico italiano che ormai si è sedimentato troppo sul mercato, con l’intento principale di fare rivivere l’arte pura e la cultura. La volontà fondante dell’Associazione è espressa direttamente dal suo stesso nome il quale riflette l’intento di non assumere la forma di galleria tradizionale ma di rimanervi adiacente, così da preservare una libertà scevra da quelle regole di mercato che spesso inibiscono l’espressione più genuina di ogni singola volontà creativa.


Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI