Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

OBLIVIO

In un’epoca in cui l’urbanizzazione e il progresso tecnologico avanzano a passo sostenuto, emerge una prospettiva unica attraverso la fotografia di Vittorio Campana. Artista attratto dal dialogo tra architettura moderna e lo spazio, è ora deciso ad esplorare i luoghi abbandonati in cui la natura riacquista il suo ruolo preminente.

Gli scatti denuncia di Campana rappresentano luoghi abbandonati all’incuria del tempo. La natura si muove lentamente riappropriandosi di ciò che il cemento le aveva tolto, trasformando luoghi dimenticati in una testimonianza di bellezza eterna. In altri invece, l’artista porta il suo obiettivo verso luoghi in cui le leggi dello stato e l’evoluzione del costume non servono più e sono lasciati al loro destino.
L’oblio di questi luoghi diventa il fulcro di un’esplorazione visiva che mette in luce la fragilità del nostro patrimonio e la caducità delle nostre creazioni. “Ciò che la società getta nell’oblio diventa il nostro soggetto. Questi luoghi, ora dimenticati, sono portatori di storie sospese nel tempo, di ricordi sbiaditi e di una bellezza che emerge solo quando l’osservatore è disposto a guardare oltre l’apparenza” afferma Campana.

La rinascita dei luoghi abbandonati attraverso l’obiettivo fotografico è un affascinante viaggio visivo: lo spettatore si immerge in un mondo in cui l’architettura umana ha ceduto il passo alla forza inarrestabile della natura. Le pareti scrostate, gli oggetti abbandonati e la polvere che si posa silenziosamente diventano le testimonianze di un passato che il tempo ha dimenticato. Attraverso il suo obiettivo, l’artista cerca di preservare la memoria di questi luoghi, un momento prima che siano completamente inghiottiti dall’oblio.

Vi invitiamo a immergervi e ad esplorare la connessione tra il passato, il presente e il potenziale futuro di luoghi apparentemente dimenticati. Le opere di Campana saranno esposte presso Galleria Sospesa dal 13 dicembre al 13 gennaio 2024.

Galleria Sospesa


Numero Corrente

Materia Solida

Nello stato solido i costituenti della materia sono legati da forze molto intense che consentono soltanto moti di vibrazione attorno a posizioni di equilibrio; Dalle avanguardie del novecento ad oggi il pensiero creativo ha trasformato la materia in un elemento magico,, talvolta disturbante, ma sempre adatto per una visione sensibile del mondo, che sia reale o immaginario.

15 Settembre 2022

Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI


Richiedi informazioni

OBLIVIO