Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

MUST HAVE – Proud to be Italian

In occasione del 40esimo anniversario di Artefiera, l’Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna, unico 5 stelle Lusso dell’Emilia-Romagna e parte di The Leading Hotels of the world, ospita fino al 15 febbraio 2016 la mostra di Marcello Reboani “Must Have – Proud to be italian”, curata da Melissa Proietti e patrocinata dal Comune di Bologna. L’inaugurazione (solo su invito) è prevista per giovedì 29 gennaio dalle 18 alle 21, mentre si potrà visitare l’esposizione liberamente nei giorni successivi. La mostra si svolge nelle sale dello storico Cafè Marinetti: uno spazio naturalmente vocato di arte e cultura, intitolato al fondatore del movimento futurista Filippo Tommaso Marinetti che a Bologna lo aveva eletto come suo quartier generale.

Il progetto “Must Have”, nasce da un’idea di Melissa Proietti nel 2007, e nella prima presentazione mirava a rappresentare in chiave ironica ed eco-pop le icone del consumismo, proponendo uno spunto di riflessione sul come un oggetto cult potesse diventare anche oggetto d’arte: la “ Kelly bag” di Hèrmes, il Rolex, il celebre tollino del Campari, l’intramontabile macchina fotografica Nikon, e ancora i Levi’s e alcuni medicinali di largo consumo come lo Xanax vennero presentati in luoghi in e off gallery, e celebrati in una personale dell’artista al Museo Civico di Cortina d’Ampezzo nel 2012. Negli anni 2014 e 2015 il progetto “Must Have” è stato oggetto di lecture all’interno del corso di Art Managing alla Luiss di Roma e di Semiotica dell’arte e della moda allo IED, sempre nella capitale.

La nuova serie “Must Have – Proud to be italian” con una rassegna di 12 nuove opere, debutta invece nel maggio 2015 in occasione di Expo, a Milano, nella grintosa Terrazza Aperol, luogo d’incontro di un’intramontabile Milano da bere. Questa volta l’artista punta l’attenzione sulla creatività e il design italiano, celebrando oggetti che hanno fatto la storia del Made in Italy, icone di design, creatività, gusto e stile, esportati in tutto il mondo: il vasetto della Nutella e quello con rimandi Art Nouveau di Amarena Fabbri, la Vespa rossa, il tollino dell’ Aperol e ancora il motoscafo Riva, la Ferrari, il celebre logo “ Con Api si Vola !”, la Moka Bialetti e tanti altri altri. Tutti rimandano alla storia dell’industria nazionale, di quello che l’Italia ha esportato nel mondo in termini di creatività ed estetica. La mostra a Bologna è accompagnata da un testo critico di Raffaella A. Caruso.

“Must Have – Proud to be Italian” non è intesa quindi solo come mostra d’arte, ma come augurio e incentivo di ripresa e nuova crescita economica del nostro paese, guardando con fierezza al passato e con fiducia nel futuro. Un messaggio positivo e propositivo , legato al tema ecologico e alla sostenibilità da sempre centro del percorso lavorativo dell’artista romano che ha fortemente voluto questa tappa del progetto a Bologna, città a cui é molto legato e dove lo scorso anno il Comune ha ospitato e patrocinato il progetto “Ladies for Human Rights”, in collaborazione con il Robert F.Kennedy Human Rights Onlus, tenutosi nella suggestiva Sala della Manica lunga di Palazzo d’Accursio .

Per questa edizione della mostra “Must Have – Proud to be italian” mediapartner saranno RDS 100% grandi successi, la prima radio green in Italia, e boop.it, quotidiano online di lifestyle. Un ringraziamento particolare all’agenzia Omnia Relations di Bologna e a Laurent-Perrier che accompagnerà con i suoi champagne l’inaugurazione di venerdì 29 al Grand Hotel Majestic già Baglioni.

rc


Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI