Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

MARAVEE MIND 2017 | PREVIEW

Qual è il confine tra Ragione e Passione, tra raziocinio progettuale e dedizione passionale? Quali sono i percorsi della mente quando ricerca, crea e mette in scena una poetica rivolta all’altro e all’ambiente? Intitolata MARAVEE MIND, la 16° edizione del Festival Maravee propone un intrigante viaggio nella mente creativa e lo annuncia con l’evento di Preview, che si terrà venerdì 25 agosto alle ore 21.00 all’Agriturismo Ai Colonos di Villacaccia di Lestizza (in caso di forte pioggia l’appuntamento slitta a sabato 26).

“Il comportamento sociale degli animali videoludici – Colonos Studies” è il diorama performativo ideato e diretto dall’artista visivo Mauro Ceolin, con il supporto coreografico di Martina Tavano, l’intervento performativo delle danzatrici Francesca Masala, Erica Mattioni e la stessa Tavano, con la collaborazione dell’Associazione Danza e Balletto Udine, la lettura attoriale di Fabiano Fantini e l’accompagnamento musicale di U.T. Gandhi alle percussioni & live electronics.

Grazie alla collaborazione dell’Associazione culturale Colonos e del Comune di Lestizza, il Festival ideato e diretto da Sabrina Zannier, gestito dall’Associazione culturale Maravee con il sostegno della Regione, del main sponsor Gervasoni e dei Comuni di Gemona del Friuli e Lignano Sabbiadoro approda nel cortile di Lestizza con un progetto che sposa il tema di Maravee Mind e di Avostanis 2017.

Il progetto di Ceolin – primo artista italiano che ha studiato il linguaggio del videogioco in relazione con studi di zoologia e altri ambiti scientifici e comportamentali – è un dispositivo di ricerca che analizza e rielabora alcuni atteggiamenti interni al videogioco Spore, pubblicato nel 2008 e divenuto ormai di culto. E’ una mise-en-scène sul comportamento degli animali tra natura e videogame, che dopo il progetto realizzato per Maravee Ludo 2016 – confluito nella performance di quattro danzatrici che hanno incarnato le spoglie animalesche di personaggi sedimentati nel nostro immaginario collettivo (Snoopy, Pikaciu, Totoro e Mickey Mouse) – affronta il loro comportamento sociale: riproduzione, alimentazione, attacco del villaggio…

Nato dal Laboratorio performativo aperto alla collettività territoriale per cinque giorni, attivando una dialettica permanente con i partecipanti, l’intero processo di quest’opera si pone come una “scultura culturale e sociale” che annuncia il tema di Maravee Mind – mettendo in scena le ragioni progettuali di passioni rivolte all’attenzione ambientale nella relazione costruttiva tra originarietà del mondo animale e linguaggio digitale – calandosi nella realtà dei Colonos con un puntuale riferimento al tema della rassegna Avostanis 2017, incentrata sul crescente fenomeno degli spazi abbandonati/vuoti in conseguenza di una grande frattura economico-sociale. Il diorama, infatti, riporta nel cortile gli animali che un tempo lo abitavano, ammiccando però ai nostri “cortili contemporanei”, videoludici e immateriali. Ne rimettono in scena la loro vita sociale, su corpi umani le cui gesta e posture derivano dalla confluenza tra memoria zoologica e animazione da videogame.

Rispetto alla fase progettuale dello scorso anno, che puntava l’attenzione sulle modalità ludiche, Ceolin si avvale di nuovi segmenti investigativi: la voce narrante, per svelare il pensiero progettuale; la performance musicale, per suonare la temporalità dell’opera; la pluralità di stazioni visive, per segnare lo spazio delle azioni nella fase “tribù” del videogame in esame, a cominciare dal tableaux-vivant a ridosso del Tempio Vegetale di Giuliano Mauri, l’artista degli intrecci vegetali (scomparso nel 2009) che nel 2005 aveva inaugurato l’opera – realizzata da un gruppo di volontari – con l’intento di farne un luogo sacrale, d’incontro e riflessione. Anche lui aperto alla partecipazione collettiva, in direzione di un’estetica partecipata, perché, come scrive Ceolin, “…l’arte non può più essere un esercizio intracranico ma un processo mentale collettivo”.

AtemporaryStudio


Numero Corrente

Oro

“Quando l'oro parla, l'eloquenza è senza forza.”

(Erasmo da Rotterdam)

15 Luglio 2022

Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI