Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Luca Freschi. Never ending

Inaugura domenica 3 dicembre 2023 alle ore 17.00, presso il Museo diocesano Francesco Gonzaga di Mantova, Never ending, mostra personale di Luca Freschi a cura di Giovanni Gardini e don Stefano Savoia.
Tra i lavori principali di Freschi, artista che ha fatto della ceramica il suo mezzo espressivo privilegiato, si segnalano i Pavimenti d’ombre, visioni intense dai toni talvolta drammatici, le Cariatidi, moderni obelischi che puntano al cielo, e i Breviari, quasi degli ex-voto, nei quali il suo linguaggio si fa più rarefatto e poetico.
«Luca Freschi – come si legge nel testo critico di Giovanni Gardini, pubblicato nella monografia edita da Il Rio Edizioni – è un artista instancabile. Varcare la porta del suo studio/laboratorio significa entrare in una dimensione in cui il mestiere dell’arte è esperienza creativa quotidiana, lavoro indefesso in cui nulla è lasciato all’improvvisazione. Accanto ad opere finite altre sono in lavorazione, in un continuo ed inarrestabile processo di sperimentazione verso soluzioni sempre nuove. Le sue sculture nascono per giustapposizione, da un sapiente esercizio in cui forme e cromie trovano nel loro equilibrio una piena realizzazione. Non c’è opera che si sottragga a questa regola ferrea in cui le singole scelte compositive sono quanto mai decisive ed esigenti».
Il ricco vocabolario iconografico di Freschi accoglie continuamente nuovi oggetti, il più delle volte appartenenti alla quotidianità e spesso legati all’immaginario personale dell’artista, per rileggerli in una dimensione atemporale e profondamente simbolica, dai forti accenti spirituali.
Il progetto espositivo non prevede, come di consueto, l’allestimento delle opere in una o più sale dedicate, ma il dislocamento delle sculture lungo il percorso museale, mettendo così in dialogo una serie di sculture in terracotta policroma realizzate da Luca Freschi tra il 2017 e il 2023 con i capolavori del Museo, evidenziando il senso di classicità che permea le ceramiche dell’artista romagnolo.
Questo senso di continuità con le radici culturali del Rinascimento sarà reso ancor più evidente dalla collocazione di alcune opere all’interno della Basilica concattedrale di Sant’Andrea per il tempo di Avvento; qui, nel capolavoro di Leon Battista Alberti, e in particolare nella cappella funeraria di Andrea Mantegna, decorata da due pale del maestro padovano e dagli affreschi del giovane Correggio, troveranno posto un San Giovannino di Freschi, realizzata a partire da un calco di attribuzione donatelliana, e la Cariatide Civetta, dove la civetta assurge a modello della sentinella che nella notte attende l’aurora.
L’esposizione, organizzata dal Museo diocesano Francesco Gonzaga di Mantova e dalla casa editrice Il Rio, vede la partecipazione della Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia ed ha il patrocinio di AMEI, Associazione dei Musei Ecclesiastici Italiani, del Rotary Club di Mantova e dell’Associazione Isacco di Mantova.
La mostra rimarrà aperta fino al 31 dicembre 2023 nei seguenti giorni e orari: al Museo diocesano Francesco Gonzaga (Piazza Virgiliana, 55) da mercoledì a domenica ore 9.30.12.00 e 15.00-17.30, chiuso a Natale; alla Basilica concattedrale di Sant’Andrea (Piazza Mantegna) da lunedì a domenica ore 8.00-19.00, durante le celebrazioni non sono consentite visite. La visita alla mostra è compresa nel biglietto di ingresso al Museo Diocesano: intero Euro 10, ridotto Euro 6, gratuito per bambini e ragazzi sotto i 14 anni. Presso la sede museale è disponibile la monografia Luca Freschi. Never ending, firmata da Giovanni Gardini e pubblicata da Il Rio Edizioni, che mette a fuoco le radici culturali e materiali del lavoro dell’artista, prendendo in esame i sui cicli più recenti. Il volume è in vendita anche presso Librerie Paoline Il Rio di Mantova (www.ilrio.it). Per informazioni: www.museofrancescogonzaga.it, https://parrocchiasantanselmomantova.it/.
A gennaio 2024, la personale si trasferirà a Barcellona, dove le opere di Freschi saranno esposte al MEAM – Museo Europeo d’Arte Moderna e all’interno della cattedrale del capoluogo catalano.

Luca Freschi (1982) vive e lavora a Meldola (FC). Dopo la laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, sezione Pittura, ha intrapreso una ricerca basata sull’alterità della figura umana, sulla memoria personale e collettiva tramite l’utilizzo della tecnica del calco. Tra le esposizioni in Italia e all’estero ricordiamo almeno quelle al Museo Ebraico di Bologna e al Museo Nazionale di Ravenna, oltre alle numerose esposizioni personali e collettive in gallerie, tra cui spiccano Bonioni Arte (Reggio Emilia), UMA Gallery (Novara), Galleria Gagliardi (San Giminiano) e Galleria Lucia Dueña (Oviedo, Spagna). Alcune delle sue opere sono state vincitrici di premi nazionali e acquisite in collezioni pubbliche italiane e spagnole.
Giovanni Gardini, impegnato nella ricerca e nella divulgazione del patrimonio artistico con una particolare attenzione alla tradizione iconografica cristiana, è curatore di mostre e di cicli di conferenze; ha inoltre al suo attivo numerosi articoli e saggi. È vice-direttore del Museo diocesano di Faenza e direttore della Raccolta Lercaro di Bologna.
Stefano Savoia è laureato in Architettura ed è presbitero della diocesi di Mantova, presso cui ricopre gli incarichi di rettore della Basilica concattedrale di Sant’Andrea, delegato vescovile per la pastorale della cultura, direttore ad interim del Museo diocesano Francesco Gonzaga e direttore dell’Ufficio per i Beni Culturali ecclesiastici.

CSArt


Numero Corrente

Materia Solida

Nello stato solido i costituenti della materia sono legati da forze molto intense che consentono soltanto moti di vibrazione attorno a posizioni di equilibrio; Dalle avanguardie del novecento ad oggi il pensiero creativo ha trasformato la materia in un elemento magico,, talvolta disturbante, ma sempre adatto per una visione sensibile del mondo, che sia reale o immaginario.

15 Settembre 2022

Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI


Richiedi informazioni

Luca Freschi. Never ending