Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

INCODEC a cura di Ivan D’Alberto, Giovanni Paolo Maria De Cerchio, Martina Lolli e Martina Sconci, prefazione Alessandra Arnò

IN-CODEC CODIFICHE E DECODIFICHE DELLA VIDEO ARTE ITALIANA
Alessandra Arnò
Che cos’è un codec? Un codec è un programma o un dispositivo che si occupa di codificare e/o
decodificare digitalmente un segnale (tipicamente audio o video) perché possa essere salvato su
un supporto di memorizzazione o richiamato per la sua lettura. Filosoficamente è
quell’opportunità che ci permette di vedere e soprattutto capire quello che altrimenti sarebbe
incomprensibile ad una prima visione. Negli anni sessanta e settanta i pionieri della video arte
italiana erano empaticamente connessi con i quanto succedeva a livello mondiale. Diversi modus
operandi ma la stessa voglia di sperimentare il mezzo, il linguaggio video e le sue potenzialità. In
seguito l’ambito di ricerca si è diversificato seguendo lo sviluppo delle nuove tecnologie negli anni
ottanta, e successivamente negli anni novanta con il cambio generazionale. Il boom dell’arte
video negli ultimi decenni è inversamente proporzionale al suo mercato e ciò ne ha successivamente
decretato il crollo. La video arte è un’arte immateriale, mutabile e nella sua fragilità nasconde la
sua potenza. Ha un supporto quasi inesistente, è un feticcio collezionabile mancato, che non
sempre attrae il compratore d’arte. Gli artisti hanno accusato il contraccolpo del mercato, e a
cavallo del nuovo millennio molti hanno deciso di usare altri media. Punto e a capo, si ricomincia.
Nuove idee, nuove sperimentazioni. Ora quella fragilità che caratterizzava l’esperienza passata è
diventata la sua forza, in un’era dove la connessione e la condivisione di contenuti dettano strategie
culturali e di mercato, la videoarte, con la sua essenza immateriale si impone sempre di più anche
oltre i confini del sistema dell’arte. Negli anni siamo stati addomesticati alla visione, e ogni giorno
passiamo ore ad osservare contenuti multimediali per lavoro, per passione o curiosità. L’opera
video ha possibilità di essere onnipresente simultaneamente sui nostri schermi e device, abituandoci
a un tipo di visione “altro”. Molte realtà in Italia stanno lavorando per diffondere la videoarte tra il
grande pubblico dentro e fuori i luoghi istituzionali. Tale impegno è assolutamente indispensabile
e apprezzabile perché attualmente, la complessità del linguaggio e le poetiche sviluppate dagli
artisti, hanno bisogno di mediatori per poter essere diffuse, fruite e soprattutto apprezzate. La
video arte italiana ha quindi bisogno di queste chiavi di lettura per essere valorizzata e collocata
nel contesto storico in cui ci troviamo. Ha bisogno di questi codec necessari per la digestione di
una delle forme artistiche più complesse e in continua evoluzione e contaminazione con altri
mezzi, ma sempre più vicina alla vera essenza immaginativa.

INCODEC
a cura di Ivan D’Alberto, Giovanni Paolo Maria De Cerchio,
Martina Lolli e Martina Sconci, prefazione Alessandra Arnò

vernissage sabato 6 dicembre ore 18.30

Angelo Bucciacchio
Mandra Cerrone
Di Bernardo Rietti Toppeta
Franco Fiorillo
Piotr Hanzelewicz
How to Cure our Soul
Bruno Imbastaro
Minus.log
Andrea Panarelli
Scacchioli – Core
Enzo Testa
Michela Tobiolo

patrocini
Comune di Penne
Centro di Archiviazione e Promozione della Performing Art (CAPPA)
Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea dell’Aquila (MuSpAC)
Visualcontainer

www.inangolo.it
info@inangolo.it

inangolo


Numero Corrente

Materia Solida

Nello stato solido i costituenti della materia sono legati da forze molto intense che consentono soltanto moti di vibrazione attorno a posizioni di equilibrio; Dalle avanguardie del novecento ad oggi il pensiero creativo ha trasformato la materia in un elemento magico,, talvolta disturbante, ma sempre adatto per una visione sensibile del mondo, che sia reale o immaginario.

15 Settembre 2022

Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI