Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Il viaggio di Akai di Andrea Accardi e Massimiliano De Giovanni

Continua la collaborazione tra il Nipponbashi d’Estate e il Treviso Comic Book Festival che, quest’anno, si concretizza con una mostra di due dei protagonisti indiscussi della scena del fumetto nazionale. Si tratta di Andrea Accardi e Massimiliano De Giovanni, che in una delle sale di Palazzo Ca’ Da Noal, “metteranno in scena” le avventure del loro personaggio, Akai.
In mostra le tavole del manga “il Viaggio di Akai”, creato dalla mano dallo straordinario disegnatore Andrea Accardi e dalla sceneggiatura di Massimiliano De Giovanni, che racconta la storia di un trentenne senza genitori né soldi, che vive di piccoli furti ed espedienti in un palazzo occupato della periferia di Tokyo. Le tavole rappresentano un’avventura on the road ricca di mistero e di riferimenti alla mitologia giapponese, protagonista della storia grazie alla presenza in scena di kappa, tanuki, volpi trasformiste e altre bizzarre creature del folklore nipponico. Immancabili anche in questo caso spettri e spiriti.

Mostra aperta fino al 26 luglio nei seguenti orari: da martedì a domenica, 9.30 – 12.30 / 15.00 – 18.00

Andrea Accardi nato a Palermo nel 1968, si trasferisce a Bologna alla fine degli anni Ottanta. Segnalato alla Biennale Giovani nella sezione Fumetto, collabora alla linea manga di Granata Press. Nel 1994 disegna “Progenie d’Inferno” su testi di Onofrio Catacchio, pubblicata in Italia nel 1999 da Kappa Edizioni e in Francia da Albin Michel. Nel 1996 pubblica l’episodio “I dannati” per la serie “ESP” scritta da Michelangelo La Neve. Nel 2002 entra nello staff del progetto Lupin III Millennium disegnando “Nella camera a gas” su testi di Massimiliano De Giovanni. Insieme a De Giovanni ha firmato anche i graphic novel “Barcode” (2006) e “Matteo e Enrico” (2007) edite da Kappa Edizioni, e “Il viaggio di Akai” anche per l’editore Dargaud. Nel 2003 inizia a collaborare con Eura Editoriale alla serie “John Doe”, di cui pubblicherà tre episodi, tutti su testi di Roberto Recchioni. Con l’edizione BD ha pubblicato “Hit Moll” (2011), sceneggiato da Luca Enoch. Nel 2004 ha vinto il premio Gran Guinigi come Miglior Disegnatore. Dal 2012collabora con Sergio Bonelli Editore.

Massimiliano De Giovanni (Bologna, 1970) insegna Scrittura Creativa e Narrazione per Immagini all’Accademia di Belle Arti di Bologna. È noto per aver aperto ufficialmente le porte italiane ai manga, fumetti giapponesi divenuti oggi autentici fenomeni di costume.
Ha debuttato professionalmente nel mondo del fumetto nel 1990 con l’editrice Granata Press. Dopo aver diretto riviste come “Mangazine”, “Zero” e “Kappa Magazine” e aver partecipato alla stesura del saggio enciclopedico Anime, guida al cinema d’animazione giapponese, ha iniziato a scrivere sceneggiature per il fumetto, affrontando per primo in Italia la tematica omosessuale nel racconto d’indagine quotidiana. Ha scritto per Monkey Punch (Lupin III – Alis Plaudo), Keiko Ichiguchi (Oltre la porta), Andrea Accardi (Gente di notte, Pazzo di te, Cuori in affitto, Barcode, Matteo e Enrico, Lupin III – Nella camera a gas, Il viaggio di Akai), Giampietro Costa (Lazarus Ledd – Tokyo Blues) Jacopo Camagni (Take Away, Le amiche giuste), Sara Colaone (Lupin III – Nei panni di Zazà) e Giulio Macaione (The Fag Hag, Innamorarsi a Milano).
Le sue graphic novel sono tradotte in Italia, Francia e Spagna. Per l’editrice Giunti ha scritto due activity book su Dragon Ball Z e Dragon Ball GT. Il suo ultimo libro è Scrivere a Fumetti – Manuale di Scrittura Creativa e Narrazione per Immagini (Kappalab).

ikiya treviso


Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI