Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Gaetano Fiore, Stimmen in Farbe – Dom Museum Würzburg

Il Museum am Dom di Würzburg apre l’anno 2015 all’insegna dell’arte italiana contemporanea con le due importanti mostre degli artisti Gaetano Fiore e Mimmo Paladino. I titoli “Gaetano Fiore – Stimmen in Farbe – Voci nel colore” e ”Mimmo Paladino – Chiffren – Cifre” ne chiariscono già il rispettivo senso.
Gaetano Fiore è da sempre impegnato in una ricerca pittorica ai margini della figurazione e dell’astrazione, operazione tradotta in linguaggi sinestetici i cui riferimenti potrebbero ricondurci, per alcune opere, ad uno spazialismo dal sapore rothkiano e, per altre, ai teneri e lancinanti bagliori dei paesaggi di Ennio Morlotti. Nella mostra “Stimmen in Farbe” si potranno ammirare opere-installazioni che come monologhi s’intersecano e slargano per allentarsi nell’ampio dialogo di pittura e letteratura.
La necessità estetica di decifrare il mistero nelle cose, attendere che nel processo creativo qualcosa si palesi o accada, l’incipiente, stranito e timoroso imbarazzo di perturbare l’ipnotica albedine di una pagina bianca o di una tela immacolata. Ma anche il risoluto coraggio di accogliere la sfida ad incedere, intervenire con la propria impronta, quella calcata da una parola scritta o tracciata da una pennellata.
Voci nel colore, voci che irradiano luce propria e fendono varchi, spalancano finestre ed alimentano affamate fornaci, voci che con il colore segnano un tempo nel tempo e, come radure in un fitto bosco, sussurrano spazi sereni. Ecco quel “chiarore nel bosco”, che dà sollievo con un breve sorriso al pellegrino stanco, desideroso di dimore e giacigli.
Visione onirica e rarefatta, astrazione simbolica ed alchemica, quella dell’artista italiano Gaetano Fiore che dal 2009, attraverso figurazioni (alberi, arbusti, croci, altari, duomi e templi di antica modernità), in una sorta di vertiginose utopie sceniche alla Gordon Craig, crea elementi naturali, ma sacralizzati, con forme e colori nella penombra delle parole.
Una pittura che, impavida per cromie sature e vibranti, traccia sentieri su uno sfondo-cielo con squarci o lacerazioni attraverso cui si slanciano allusioni e rimandi a mondi lontani. Alberi che non solo crescono in acqua, ma materializzano un portico, una soglia, la promessa di un’altra vita. Alberi che si tramutano in urne della memoria e negli alambicchi ove lasciar mirabilmente sedimentare qualche pietra filosofale.
Paolo Puppa così interpreta: “sono gli alberi ad attrarre l’artista, alberi, che (egli) si porta dentro, da qualche idillio adolescenziale, un Segantini, un Previati scarnificati dall’incipiente decorativismo viennese, il suo amico albero ogni primavera si risveglia e rinasce, a differenza del nostro misero corpo che nel mese più crudele, ossia aprile come ricorda Eliot, mescola ricordi e desideri quando è troppo tardi e la carne non risponde più. Insomma, i suoi alberi candelabri alzano le loro braccia in un tripudiante inno di speranza. Basta saperli ascoltare, oltre che guardare abbacinati da tanta forza vincente”.

Unitamente ad una sezione di grafica e di tele ad olio sul tema degli “alberi”, il nucleo centrale di “Stimmen in Farbe“, presenta un ciclo di opere di piccole e grandi dimensioni, ispirate dalla lettura paziente e reiterata dello Stundenbuch di R. M. Rilke.
Andrea Petrai, che da sempre condivide con Gaetano Fiore riflessioni estetiche su pittura e letteratura, scrive nella sua introduzione e presentazione alla mostra:
“l’immersione in esso (lo “Stundenbuch”) induce l’artista a conoscere il testo poetico nelle sue pieghe più recondite, ad interagirvi, metabolizzarlo fino a captarne le suggestioni molteplici. Scaturisce così un’interpretazione originale che preserva lo spirito della fonte, senza ricorrere a descrizioni o parafrasi, mirando bensì ad amplificarne le sonorità nell’amalgama del colore. Gaetano Fiore predilige lo Stundenbuch perché esso è felice esempio poetico di come un’ispirazione meditata riesca a modulare spontaneità con programmaticità. Un’assonanza con il codice estetico in pittura ove forma e contenuto si armonizzano alla maniera di voci che si sciolgono in un canto, l’una come naturale estensione dell’altro. Potremmo dire che il rigore della composizione sigilli l’autonomia del creare, ma che pure la potenzi, in senso romantico, coll’impellenza del fare.

Gaetano fiore

Artista


Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI