Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Collettiva Art In Mind . presso Brick Lane Gallery Londra – Acaf-Artemisia Gallery presenta i suoi artisti

NANA AUE –
biografia
Nana Aue, è natA in una famiglia internazionale con radici italiane, da Treviso Susegana vive a Dortmund, Germania, e, a volte a Vieste, Italia.
Dopo aver studiato psicologia – laureata in storia, letteratura tedesca e la pedagogia come scienze dell’educazione presso la Ruhr di Bochum, L’artista ha lavorato sotto il suo vero nome in vari progetti linguistici e storici e artistici – Oggi lavora come critico d’arte e artista – Con Acaf-Artemisia Gallery ha partecipato a diverse esposizioni ottenendo sempre un lusinghiero consenso –
Percorso artistico

2014 Gruppenausstellung „Colori d`Inverno“ Galleria Web Art Contemporanea, Treviso a cura di ACAF Artemisia Gallery, Bergamo 10.-22. Januar 2015 mit Atem der Prärie
2013 Gruppenausstellung Galleria Forme d`Arte zur 55.Biennale di Venezia, Venezia mit der newartesimiagallery, Bergamo, mit Atem der Prärie
2007 Messe Salzburg, „geometrische Farbfelder“ mit der Galerie Zeugma, Köln
2006 Solo „Atem der Steppe“, Galerie Tijani im Museumsprojekt Hörder Burg, Dortmund, Germania;
„Wege“, Galerie Tijani, Museumsnacht im Museumsprojet Hörder Burg; „Geometrische Farbfelder“
Wort und Bild Galerie, Kunstkreis 24, Wien, Austria, 23.06.-05.07. 2006

BIAGIO SCHEMBARI
Vive e lavora nella bellissima terra siciliana, a Comiso, ha partecipato a numerose esposizioni raggiungendo grandi traguardi e soddisfazioni, nel 2015 ha partecipato all’evento in concomitanza con la 56 Biennale di Venezia, “Il grande Canale della Pace” -Come ogni anno espone la sua mostra personale a Ragusa Ibla .
Ragusa – E’ un classico la mostra del maestro Schembari a Ragusa Ibla; ogni anno puntualmente nel mese di agosto espone le sue opere dentro un ex chiesa. Entrando e trovandosi di fronte alle opere, si ha la sensazione che la storia antica voglia riemergere insieme alla psiche moderna.
Schembari costruisce i suoi giganti, le sue architetture animali, gli oracoli di pietra, giocando sull’ambiguo, proprio perché l’ambiguo è l’humus entro cui si forgia la fantasia e su cui si insinua la carica misteriosa del mito.
Davanti ai nostri occhi appare una mediterraneità grandiosa e misteriosa, fatta di forme gonfiate, di roccia che si fa organica, mescolando terra e sangue, polvere e acqua, pietra corrosa e pigmento dell’Eros; ma attenzione, questa grandiosità monumentale acquista anche spessori surreali, brividi di metafisica pura, sottili inquietudini: è antica e moderna insieme.
E’ di notevole spessore la forza scabra che promana dalla pittura e colpisce la trasposizione così fiera del Mito nel linguaggio del nostro secolo

FOSTER GRAZY
Pittrice, ceramista, restauratrice ed in ultimo artista delle tele digitali dove sa esprimere tutta la modernità del lavoro digitale. Ha frequentato in gioventù l’Accademia di Belle Arti di Torino, ha partecipato a diverse esposizioni sia personali che collettiva, è annoverata su diversi cataloghi d’art

Maria Grazia Frassetto

Presidente di Associazione Culturale Arti Figurative - Artemisia Gallery


Rubriche

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI