Contemporary Art Magazine
Autorizzazione Tribunale di Roma
n.630/99 del 24 Dicembre 1999

Esch-sur-Alzette

Per la prima volta una città del Lussemburgo è Capitale Europea della Cultura

Massimo Scaringella

Seconda città per abitanti del Lussemburgo, storia e cuore dell’industria siderurgica della regione  caratterizzata dalla presenza di abitanti provenienti da 110  nazionalità diverse è quest’anno Capitale Europea della Cultura insieme a Kaunas (Lituania) e Novi-Sad (Serbia). Con la fine dell’industria pesante la città ha saputo reinventarsi riciclando a uso civile e culturale le importanti strutture industriali abbandonate dando un nuovo impulso all’economia locale.

Per dare il via all’anno Esch2022 della Capitale Europea della Cultura a febbraio, i visitatori della Möllerei di Esch-sur-Alzette, in Lussemburgo, un tempo punto di trasbordo e magazzino di minerale di ferro, coke e altro materiale necessario per produrre ghisa, possono ammirare la metamorfosi di un monumento alla cultura industriale materiale in uno spazio multimediale versatile.

Con questa mostra Anett Holzheid e Peter Weibel hanno curato una mostra che rende tangibile questo cambiamento di identità. Trasformato da lo ZKM da sito dell’industria pesante del 20° secolo in uno spazio espositivo del 21° secolo a Esch-Belval. 

Laddove una volta tonnellate di minerali contenenti metallo venivano trasportate tramite nastri trasportatori, binari e una rampa gigantesca, le immagini del film generate digitalmente ora si dispiegano senza peso.

Dove un tempo vorticavano nubi di fine polvere di roccia, le onde sonore della musica elettronica ora si diffondono nello spazio. La mostra “Hacking Identity — Dancing Diversity” presenta l’arte dei media e giustappone l’industria pesante e la tecnologia dell’informazione. Installazioni video, proiezioni su grande schermo, opere partecipative e sculture visualizzano fenomeni di dissoluzione, proliferazione e mescolanza. Forniscono incontri seri e spensierati con sosia e avatar, icone pop del mondo dei giochi, esseri fantascientifici stravaganti e immagini speculari sorprendentemente ambigue. 

La mostra racconta la storia di come le norme culturali stanno cambiando nella nostra società digitale, dove tutti online sono sia mittente che destinatario. Le identità etniche, sociali e di genere vengono rinegoziate. Nel processo, tuttavia, anche gli interessi multiformi si restringono in linee di confronto in termini di politiche identitarie. Gli artisti rappresentati in mostra intervengono nei dibattiti su identità e diversità applicando strategie di hacking in modi formalmente molto diversi. L’hacking è qui inteso come il superamento sperimentale e creativo dei vincoli sistemici, del potere sulle definizioni e sulle convenzioni culturali. Come metafora della dinamica della sovranità, “Dancing Diversity” propone uno scambio ritmico tra formazioni individuali e istituzionali di coesione sociale.

Con opere di: Kateryna Borovschi (Spagna), Ludger Brümmer (Germania), Saddie Choua (Belgio), Nadim Choufi (Libano), Danica Dakić (Germania), Margret Eicher (Germania), Thomas Feuerstein (Austria), Chiara Fumai (Italia), Christoph Girardet (Germania) & Matthias Müller (Germania), Daniel Heiss (Germania), Hanna Haaslahti (Finlandia), Délio Jasse (Italia), Marc Lee (Svizzera), Marie-Luce Nadal (Francia), formativa (Germania), Dennis Oppenheim ( USA), Wong Ping (Hong Kong), Jonathan Rescigno (Francia/Germania), rosalie (Germania), Lázaro Saavedra (Cuba), Tristan Schulze (Germania), Christa Sommerer e Laurent Mignonneau (Austria), Lu Yang (Cina), Virgilio Widrich (Austria).

La mostra è prodotta da ZKM | Center for Art and Media Karlsruhe, e curata da Anett Holzheid (ricercatore senior e consulente dello ZKM) e Peter Weibel (direttore artistico-scientifico dello ZKM).


Mostra:      
Esch-sur-Alzette (Lussemburgo)
In occasione di:  Esch2022: Capitale Europea della Cultura
Dal 28.02.2022 al 15.05.2022
Spazio: Ex Magazzino Möllerei

15 Marzo 2022

Massimo Scaringella

Curatore indipendente di arte contemporanea e organizzatore di eventi culturali. Durante oltre trenta anni di attività in Italia e all’estero ha presentato molteplici artisti italiani e stranieri, molti di essi appartengono alle nuove generazioni ma già apprezzati oggi nel panorama internazionale.

Commenti

Occhio sul mondo

Uno sguardo sugli eventi internazionali

In Biennale

LA BIENNALE DI VENEZIA 2022 - I PROTAGONISTI

Disclaimer Fotografie

Le fotografie presenti in questo articolo sono di pubblico dominio oppure state fornite dall’autore dell’articolo che ne assume la piena responsabilità per quanto concerne i diritti di riproduzione. Questo disclaimer è da considerarsi piena manleva nei confronti dell’editore. Se il tenutario dei diritti volesse richiederne l’eliminazione o l’apposizione di particolari crediti è pregato di scrivere a redazione@e-zine.it